BURNING MAN 2014: Tutti i 38.000 biglietti disponibili per l’evento annuale se ne sono andati via come il vento, tutto esaurito in meno di 45 minuti.

Burning Man: sold out in 44 minuti per il festival con la “F” maiuscola.

 

dal 25/08/2014 al 01/09/2014

Il Burning Man è un festival di circa 6/7 giorni che si svolge ogni anno a Black Rock City, una città che vive solo alcuni giorni, sulla distesa salata (sabkha) del Deserto Black Rock nello Stato del Nevada, a 90 miglia (150 km) a nord-nord-est di Reno. Il festival conclude la festa americana del Labor Day, a settembre.

Il festival viene descritto dagli organizzatori come esperimento in comunità, radicale espressione di sé e radicale fiducia in sé. Il nome deriva dal rituale che consiste nell’incendiare un grande fantoccio di legno il sabato sera. Non ci sono concerti con grandi nomi e non ci sono esibizioni pubblicizzate. Ognuno dei partecipanti è democraticamente libero di organizzare esibizioni, mostre d’arte, performance, workshop e giochi e segnalarli, oppure no, all’organizzazione del festival.

Ogni partecipante deve portare attrezzatura da campeggio, cibo e acqua per la propria sopravvivenza e le uniche cose in vendita nella città sono ghiaccio e caffè; il baratto e il dono sono le uniche forme ammesse di passaggio di proprietà di beni, cibo ed acqua. A Black Rock City i cellulari non funzionano e oltre a potersi verificare alcune tempeste di sabbia improvvise, di giorno le temperature superano i 40°C e la notte possono abbassarsi di diverse decine di gradi, per questo motivo la maggior parte degli eventi si svolge dopo il tramonto. Pur non essendo consigliato, possono partecipare all’evento anche i bambini.

Tutte le macchine fotografiche e le videocamere devono essere registrate all’arrivo in città e chi ha intenzione di effettuare delle riprese o fare fotografie per scopi commerciali deve accordarsi preventivamente con l’organizzazione del festival. Non tutti gli eventi possono essere ripresi.

Il festival è organizzato da Black Rock City, LLC, sotto la guida di uno dei fondatori, LArry Harvey, e altri cinque membri del comitato, di cui fanno parte Marian Goodell, Harley Dubois, Michael Michael, Will Roger Peterson e Crimson Rose. Nel 2007 furono 47.366 persone che hanno partecipato al Burning Man Project, mentre nel 2013 i partecipanti sono saliti a 68.000.

Tutto è iniziato con un falò a Baker Beach, una spiaggia a San Francisco. Era il solstizio d’estate del 1986, c’erano venti amici e un paio di effigi di legno ad ardere tra le fiamme: una effige umana alta più di due metri e mezzo, e una effige più piccola di un cane.
Larry Harvey è stato uno degli ideatori di quel meeting alternativo.

Da allora l’ appuntamento si è rinnovato ogni anno e l’uomo-pira (da cui il nome dell’ evento: Burning Man) si è fatto sempre più grande, i partecipanti sempre più numerosi. Tanto che, nel 1991, è stato necessario spostarsi nel deserto del Nevada, chiamato per l’ occasione “playa”.

Ora l’ incontro si svolge alla fine di agosto ed aggrega moltissime persone da tutto il mondo, che praticano tutte insieme particolari metodi di meditazione, frutto dell’ energia mentale e spirituale.
Il Burning Man Festival non è più solo il rito di una sera, ma è diventato un’ istituzione che fonda un’ autentica temporary town, la Black Rock City, con una metaforica forma semicircolare e uno statuto di principi fondativi d’ impronta comunitarista:
ESTREMA ACCOGLIENZA: tutti possono partecipare al Burning Man, lo straniero è benvenuto e rispettato;
DONARE: Burning Man è fondato sul dono incondizionato;
NESSUNA MERCIFICAZIONE: non si accettano sponsor, negoziazioni o pubblicità;
FIDUCIA IN SE STESSI: Burning Man incoraggia la scoperta delle risorse individuali;
LAVORO COMUNE: la comunità dà valore all’ interazione e alla collaborazione creativa;
RESPONSABILITÀ CIVICA: i partecipanti e il Burning Man Festival rispettano la società civile, chi viene si assume la responsabilità di seguire le leggi vigenti sul territorio;
NON LASCIARE TRACCIA: il Burning Man rispetta l’ ambiente e si impegna a cancellare ogni traccia fisica delle proprie attività, cercando il più possibile di lasciare il luogo dell’ evento in condizioni migliori di quelle trovate;
PARTECIPAZIONE: la comunità ha un’etica di partecipazione totale, solo così c’è trasformazione, e tutti sono invitati a lavorare, tutti sono invitati a giocare rendendo reale questo mondo con azioni a cuore aperto;
IMMEDIATEZZA: la prova diretta è la più importante, bisogna cercare di superare le barriere tra noi e il nostro intimo, la realtà circostante, la società e un mondo naturale che va oltre le capacità umane, nessuna idea può sostituire quest’ esperienza.

 

PER INFO: http://www.burningman.com/

per chi fosse interessato dall’italia: https://www.facebook.com/bmf2013LittleItalyburning

Burning Man 2011

 

 

 

Annunci

Una risposta a “BURNING MAN 2014: Tutti i 38.000 biglietti disponibili per l’evento annuale se ne sono andati via come il vento, tutto esaurito in meno di 45 minuti.

  1. Pingback: BURNING MAN 2014: Tutti i 38.000 biglietti disponibili per l’evento annuale se ne sono andati via come il vento, tutto esaurito in meno di 45 minuti. | dancelifeculture·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...