Calvin Harris il più pagato nell’impero dell’elettronica….

La classifica di Forbes: il dj scozzese
ha guadagnato solo negli ultimi 
dodici mesi 46 milioni di dollari

 

“Mi sono trovato nel posto giusto al momento giusto. La musica dance ha avuto una crescita esponenziale in questi ultimi tre anni”. Sono le parole da numero uno di Calvin Harris che, secondo la classifica stilata da Forbes, è il deejay più pagato del 2013 coi suoi 46 milioni di dollari guadagnati negli ultimi dodici mesi. Un exploit per il musicista scozzese se si pensa che l’anno scorso non figurava nemmeno fra i primi dieci.

Alle spalle di Calvin Harris si colloca Tiesto, dj olandese con 32 milioni, e David Guetta, poco più dietro a 30. Fuori dal podio ci sono Swedish House Mafia, Deadmau5 e Avicii con stipendi al di sopra dei 20 milioni. Chiudono questa classifica dei milionari con cuffia in testa Afrojack, Armin Van Buuren, Skrillex e Kaskade con cifre che oscillano fra i 18 e 16 milioni di dollari.

 

La classifica di Forbes

1. Calvin Harris: 46 milioni
2. Tiësto: 32 milioni
3. David Guetta: 30 milioni
4. Swedish House Mafia: 25 milioni
5. Deadmau5: 21 milioni
6. Avicii: 20 milioni
7. Afrojack: 18 milioni
8. Armin Van Buuren: 17 milioni
9. Skrillex: 16 milioni
10. Kaskade: 16 milioni

 

Meno di dieci anni fa Adam Wiles lavorava in un supermercato. Ora a 29 anni è diventato il “re” della musica elettronica. E basta snocciolare i titoli delle sue hit per capire che è davvero così. I Need Your Love, We Found Love e Sweet Nothing sono solo alcuni dei brani che hanno scalato le classifiche mondiali. Ma è sicuramente con il suo ultimo disco, 18 months, che Calvin Harris -produttore e dj scozzese – è entrato di diritto nell’olimpo dei big della dance. E oggi, secondo una classifica stilata da Forbes, è il più pagato di tutti. Negli ultimi dodici mesi, infatti, ha guadagnato 46 milioni di dollari.  

 

In pochi anni è riuscito a scavalcare colossi dell’ambiente come Tiësto e David Guetta, che si sono piazzati al secondo e terzo posto della classifica, con 32 e 30 milioni. Ai piedi del podio i Swedish House Mafia con 25 milioni. Subito dietro (con 20 milioni) Deadmau5. Segue poi Avicii, dj svedese, che con il suo singolo Wake me up sta movimentando l’estate 2013. Agli ultimi tre posti della top ten, invece, ci sono Afrojack, Armin van Buuren e Skrillex, che chiude con sedici milioni. Nelle posizioni più basse non mancano le sorprese. Non può sfuggire il dodicesimo posto di Pauly D, ex star di Jersey Shore. Il compagno di avventure di Snooki e Vinny è passato dalle discoteche del New Jersey ai locali di Las Vegas. E non è tutto. Ha lanciato anche uno show tv “biografico”: The Pauly D Project. Ciliegina sulla torta: un contratto discografico con il rapper 50 Cent. Il risultato finale? Un guadagno di 13 milioni di dollari.  

 

Insomma, l’elettronica registra numeri da capogiro. E non solo per quanto riguarda l’estratto conto. Sarà per questo che i più famosi club del mondo fanno a gara per ingaggiare i dj. Da Ibiza a New York, i locali alla moda si riempiono per i sovrani della consolle, che negli ultimi anni sono tornati alla ribalta. Forse anche grazie alle (sempre più frequenti) collaborazioni con le super star del pop e dell’hip hop. Lo stesso Calvin Harris nel 2007, quando faceva ancora il magazziniere, venne scelto niente meno che da Kylie Minogue. I suoi featuring più noti, però, sono quelli con Rihanna. Ma qual è il segreto del successo di questo giovane musicista? Probabilmente la versatilità. Al contrario di altri suoi colleghi Harris è anche un “songwriter”. Scrivere canzoni, produrle, suonarle. È davvero un tuttofare. Forse è per questo che è riuscito ad avere otto singoli – tutti tratti dallo stesso album – nella top 10 U.K. Un vero record.  

 

fonte: la stampa di alice castagneri

————————————————————————————————————————-

NEW YORK – Sono le superstar del dancefloor. Con un mixer possono trasformare una platea qualsiasi in una massa danzante. E il più ricco di loro è attualmente Calvin Harris. Il musicista scozzese è in cima alla classifica di Forbes come il dj più pagato dell’anno, dopo aver guadagnato 46 milioni di dollari nel corso degli ultimi 12 mesi. I calcoli della rivista tengono conto di merchandising, show dal vivo, endorsement pubblicitari, vendite dei dischi e progetti imprenditoriali collaterali. Harris, classe 1984, ha guadagnato più di Jay Z o di Katy Perry e ha detronizzato il numero uno in classifica del 2012, il titano olandese Tiësto. Scoperto solo otto anni da come cantante su Myspace, Harris è evoluto fino a ottnere la corona nell’ambito dell’electronic dance music. È servito senz’altro alla sua fama e al portafoglio ottenere più di 70 show in due anni nel megaclub Hakkasan di Las Vegas, oltre a collaborare con Rihanna, scrivendo e producendo due tracce We Found Love in esclusiva e Where Have You Been in collaborazione con altri artisti. “La crescita della dance music è stata astronomica negli ultimi tre anni – ha detto Harris a Forbes – mi è successo di essere al posto giusto nel momento giusto”

Non che Tiësto, sceso sul secondo gradino del podio, se la cavi male. Il 44enne olandese, in attività dal 1994, ha perduto una posizione rispetto all’anno scorso ma ha comunque guadagnato 32 milioni di dollari, contando 140 show negli ultimi 12 mesi, tra cui diversi come resident dj all’Hakkasan. “Mi hanno fatto una grande offerta, non solo per i soldi, ma anche per quello che fanno lì, il più grande club del mondo” ha spiegato.

Al terzo posto il francese David Guetta, anche lui attivo dal 1994, che nel 2012 ha portato a casa 30 milioni di dollari. A 45 anni Guetta non mostra segni di rallentamento, con 120 show all’attivo lo scorso anno e collaborazioni con Rihanna, avendole prodotto l’ultimo disco ‘Unapologetic’ e averle fatto da supporto nella tratta europea del suo ‘Diamonds World Tour’

Al quarto posto i tre membri degli Swedish House Mafia con 25 millioni di dollari, benché si siano sciolti a marzo 2013; il dj canadese Deadmau5 è quinto con 21 milioni di dollari.

Un altro svedese in sesta posizione: Avicii, che a 23 anni conta 20 milioni di dollari ed è il più giovane nella lista Forbes, a cui racconta di essere un autodidatta nella produzione di musica, avendo cominciato con software piratato nella sua cameretta: “Non hai bisogno più di nulla, hai solo bisogno del tuo computer”. Il suo debutto, True, è atteso per settembre, ma il suo singolo Wake Me Up conta già più di 1,7 milioni di download in tutto il mondo.

Settimo e ottavo, due altri olandesi. Uno è il 25enne Nick “Afrojack” van de Wall: forte dei suoi 18 milioni di dollari, racconta Forbes, a febbraio ha comprato una Ferrari 458 distruggendola in meno di un’ora e ricomprandone un’altra il giorno dopo. L’altro è il 37enne Armin van Buuren, riconosciuto da anni come uno dei migliori performers di musica elettronica, che nel 2012 ha guadagnato 17 milioni di dollari. Chiudono la top ten di Forbes, pari merito con 16 milioni di dollari, due dj statunitensi: il losangelino  Skrillex e Kaskade di Chicago.

 

fonte: la repubblica di Immagine

 

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...